Angelo Nithaiah, seconda sfera: Coro delle dominazioni

Angelo Nithaiah

Angelo Nithaiah: tranquillità

Angelo Nithaiah reggente per i nati dal 23 luglio al 27 luglio

angelo nithaiah Doni, attitudini, opportunità e poteri accordati dall’ Angelo Nithaiah : tranquillità, serenità.
Il nome di Nithaiah significa “Dio che dona la saggezza”.Dona la capacità di comprendere le discipline esoteriche. Saggezza ed amore per lo studio. Sogni premonitori. Carattere amabile, lealtà.
Coro delle DOMINAZIONI
Colore della Gerarchia: blu
Sede: è il 25esimo Soffio e il primo raggio angelico nel Coro degli Angeli Dominazioni, nel quale amministra le energie di Urano. Il suo elemento è il Fuoco

E’ il primo fra gli angeli del Coro guidato da Hesediel-Giove, di cui rappresenta il volto uraniano; controlla dunque le stesse energie dispensate da Lauviah, ma in senso “contrario”: mentre Lauviah, infatti, infonde l’amore uraniano nella ricchezza gioviana producendo la celebrità.

L’ Angelo Nithaiah infonde il potere di Giove nell’amore uraniano: venendo così ad attuare le condizioni per la magia bianca, cioè il dominio a fin di bene delle forze spirituali.
L’ Angelo Nithaiah concede ai suoi protetti il potere di dominare  situazioni e cose ; grazie a lui la persona avrà al suo servizio Entità Spirituali piene d’amore.

Nella radice del Nome dell’Angelo Nithaiah c’è il concetto: “Io faccio cooperare le cose materiali e l’invisibile “.

Compito dei suoi protetti è dunque scoprire le misteriose connessioni tra il visibile e l’invisibile e i modi migliori per adoperarle.

Ma i suoi nati non sono stregoni né sacerdoti, né si fanno ammaliare dai guru: loro mettono al centro lo scoprire; non hanno bisogno di maestri né di gerarchie ufficiali.

L’ Angelo Nithaiah appartiene  alla categoria ingiustamente perseguitata delle “streghe”,  coloro che imparano, cercano e non smettono di “scoprire” sul confine sottile dell’invisibile.

Per queste ragioni le «streghe» sanno che la prima condizione per giungere alla magia è la saggezza.

In diverse lingue i termini per indicare le streghe celano il significato della «sapienza»: come witch, in inglese, derivato dall’antichissima radice indoeuropea wid, «conoscere».

I conflitti interiori , le crisi di identità dei  protetti dall’ Angelo Nithaiah  vengono superati quando la saggezza  arriva al di sopra di tutto quello chee nel mondo  litrattiene.

Devono sviluppare una superiore, benevola, equilibrata comprensione del loro prossimo: allora divengono sufficientemente limpidi, e trovano in sé abbastanza energia per cominciare a scoprire davvero.  

Se sono colti come  C.G. Jung vengono ritenuti eretici dai loro colleghi; se sono più modesti, li si prende facilmente per pazzi, e li si compatisce o li si deride, perlomeno all’inizio.

Un  protetto dell’ Angelo Nithaiah che si perde in simili abissi non ha, naturalmente, nessuna possibilità di giungere alla magia autentica: la sola via possibile è nella saggezza, è in quel coraggio di scoprirsi «streghe» si accetta  se stessi come diversi: inconciliabili con i più  proprio come Jung, quando nel 1911 ruppe con la  Psicanalisi di Freud, dopo un famoso alterco sull’esoterismo.

I protetti  dall’ Angelo Nithaiah non solo si sentono, nell’Aldilà, aiutati e guidati nelle loro scoperte, ma traggono da quelle altre dimensioni grande energia, proprio come se invisibili alleati si incaricassero di scortarli e proteggerli sempre.

L’angelo dell’abisso a lui contrario si chiama Alcanor e rappresenta i sortilegi e le maledizioni.
Causa suggestione e plagio, seduzione, provocazione, magia nera, costituzione di sette.

Ispira odio nei confronti di Dio e la tendenza ad operare il male contro gli uomini, gli animali e i prodotti della terra.

Preghiera dell’ Angelo Nithaiah

Angelo Nithaiah per l’energia del tuo Nome,

quando devo esprimere una verità

trovo il coraggio di aprire il cuore e di parlare;

quando devo ascoltare una verità

trovo la forza di tacere e di ascoltare.

 

Gli altri Angeli della seconda sfera: Dominazioni

Lascia un tuo commento